Whistleblowing - Segnalazione di condotte illecite - Comune di Fossano

Amministrazione | Amministrazione Trasparente | Disposizioni Generali | Whistleblowing - Segnalazione di condotte illecite - Comune di Fossano

WHISTLEBLOWING - SEGNALAZIONE DI CONDOTTE ILLECITE

 

Considerazioni di carattere generale

Con l'espressione, di derivazione anglosassone, "whistleblowing" si fa riferimento alla condotta di chi denuncia agli organi individuati dalla legge condotte illecite o comunque forme di corruzione all'interno degli uffici pubblici.

 

L'art. 54-bis del d.lgs. 165/2001 prevede specifiche forme di tutela a favore del "whistleblower".

In particolare, la norma prevede che il dipendente pubblico o il lavoratore o collaboratore delle imprese fornitrici di beni o servizi, che realizzano opere in favore dell'amministrazione pubblica, che segnalino condotte illecite all'interno degli uffici pubblici di cui siano venuti a conoscenza in ragione del proprio rapporto di lavoro, non possano essere sanzionati, demansionati, licenziati, trasferiti o sottoposti ad altra misura organizzativa avente effetti negativi, diretti o indiretti, sulle condizioni di lavoro determinata dalla segnalazione.

Inoltre, la segnalazione è sottratta all'accesso di cui agli artt. 22 ss. l. 241/1990 nonché, deve ritenersi, all'accesso civico di cui al d.lgs. 33/2013.

In generale, l'identità del segnalante non può essere rivelata.

In particolare, nel procedimento disciplinare, qualora la contestazione sia fondata, in tutto o in parte, sulla segnalazione e la conoscenza dell'identità del segnalante sia indispensabile per la difesa del soggetto sottoposto a procedimento disciplinare, la segnalazione sarà utilizzabile solo in presenza del consenso del segnalante alla rivelazione della sua identità.

Nell'ambito del procedimento dinanzi alla Corte dei conti, l'identità del segnalante non può essere rivelata fino alla chiusura della fase istruttoria, mentre nell'ambito del procedimento penale essa è coperta da segreto nei modi e nei limiti di cui all'art. 329 c.p.p.

 

La segnalazione è considerata atto di senso civico mediante il quale il segnalante contribuisce all'emersione di situazioni pregiudizievoli per l'Amministrazione e l'interesse pubblico.

Resta impregiudicata l'eventuale responsabilità penale, civile o disciplinare del segnalante qualora la segnalazione sia calunniosa o abbia contenuto diffamatorio.

 

Oggetto della segnalazione

Le disposizioni in materia non indicano in modo determinato e tassativo le condotte illecite che possono essere fatte oggetto di segnalazione.

Quel che qui preme sottolineare è che l'oggetto della segnalazione non è limitato ai fatti di rilievo penale, ma ricomprende ogni condotta che presenti profili di illiceità, sia essa penale, amministrativa o disciplinare.

Così, oltre ai reati contro la Pubblica Amministrazione di cui agli artt. 314 ss. c.p. o altre condotte penalmente illecite, potranno essere fatte oggetto di segnalazione tutte quelle condotte che rivelino un esercizio distorto del potere o della funzione, in quanto piegati ad interessi privati.

Come precisato al punto 3. della Det. n. 6 del 28/4/2015 dell'ANAC, possono essere fatte oggetto di segnalazione "anche situazioni in cui, nel corso dell'attività amministrativa, si riscontri l'abuso da parte di un soggetto del potere a lui affidato al fine di ottenere vantaggi privati, nonché i fatti in cui - a prescindere dalla rilevanza penale - venga in evidenza un malfunzionamento dell'amministrazione a causa dell'uso a fini privati delle funzioni attribuite, ivi compreso l'inquinamento dell'azione amministrativa" dall'esterno.

 

Procedura.

a) Qualora la segnalazione riguardi lo stesso Responsabile della Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza del Comune di Fossano o, comunque, il dipendente pubblico ritenga opportuno inoltrare la segnalazione direttamente all'ANAC, la stessa Autorità ha messo a disposizione apposita procedura informatica al seguente  indirizzo: https://servizi.anticorruzione.it/segnalazioni/

b) Per le segnalazioni da inoltrare al RPCT del Comune di Fossano, nelle more della predisposizione di apposita procedura informatica, è stato predisposto un apposito modulo, reperibile in fondo a questa pagina, che è possibile inviare, firmato e scansionato, all'indirizzo di posta elettronica segnalazionicondotteillecite@comune.fossano.cn.it oppure in forma cartacea all'indirizzo R.P.C.T. - Comune di Fossano, Via Roma n. 91 - FOSSANO (CN).

 

A tal fine, si precisa che l'indirizzo di posta elettronica segnalazionicondotteillecite@comune.fossano.cn.it è presidiato esclusivamente dal Responsabile per la Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza.

 

Il contenuto della segnalazione potrà essere conosciuto esclusivamente dal RPCT e dai suoi collaboratori per l'espletamento dell'istruttoria.

 

Documentazione

 

 

 

 

Pubblicato il 
Aggiornato il