via Roma, 91 - 12045 Fossano (CN)
telefono: (+39) 0172 699 611 - fax: (+39) 0172 699 685
PEC : fossano@cert.ruparpiemonte.it
partita IVA: 00294400049 - codice fiscale: 00214810046
motore di ricerca

 

PIANO DI ZONIZZAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE

VERSIONE VIGENTE

 

Delibera Consiglio Comunale n. 91 del 29.11.2016 - L.R. 52/2000 e s.m.i. - Adozione della variante del Piano di Zonizzazione Acustica contestuale alla Variante Parziale n. 12 del P.R.G.C.  

 

 

ZONIZZAZIONE ACUSTICA

 

La Legge Quadro L. 26/10/1995 n. 447 stabilisce i principi fondamentali in materia di tutela dell'ambiente abitativo dall'inquinamento acustico e rimanda ad ulteriori decreti attuativi, di cui il più importante è il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 14 novembre 1997 “Determinazione dei valori limite delle sorgenti sonore”. In questo provvedimento sono stabiliti i “limiti acustici” riferiti alla zonizzazione acustica dei territori comunali, la cui applicazione è demandata a leggi regionali. La L.R. 52/2000, “Disposizioni per la tutela dell'ambiente in materia di inquinamento acustico” è il provvedimento che in Piemonte ha condotto alla zonizzazione acustica del territorio comunale.

 

Il territorio è suddiviso in 6 classi, ognuna caratterizzata da limiti acustici, a seconda della sua vocazione urbanistica (dalla classe I, aree particolarmente protette quali ospedali e scuole, alla classe VI, zone esclusivamente industriali). Entro tali classi le attività suscettibili di produrre rumore devono rispettare tre tipi di limitazione acustica nei confronti del rumore rivolto verso l’esterno:

  • LIMITE DI EMISSIONE: il valore massimo di rumore che può essere emesso da una sorgente sonora, misurato in prossimità della sorgente stessa (solitamente si misura a filo della proprietà);

  • LIMITE DI IMMISSIONE: il valore massimo di rumore che può essere immesso da una o più sorgenti sonore nell’ambiente esterno;

  • LIMITE DI IMMISSIONE DIFFERENZIALE: la differenza tra il rumore “di fondo” (ad attività ferma) ed il rumore “ambientale” (ad attività in funzione). Rappresenta in sintesi il disturbo provocato da un’attività rumorosa.

 

I limiti di immissione ed emissione sono variabili e suddivisi in DIURNI (dalle 6 alle 22) e NOTTURNI (dalle 22 alle 6). Questi limiti, inoltre, si considerano “in continuo”, ossia come media delle emissioni sonore nel periodo diurno e notturno.

Il limite di immissione differenziale è stabilito in 3 dB (notturno) e 5 dB (diurno) ed è di natura “istantanea” ossia in linea di principio basta lo sforamento per brevi periodi a causare un’irregolarità.

Il limite di immissione differenziale non si applica:

  1. se il rumore misurato a finestre aperte è inferiore a 50 dB(A) durante il periodo diurno e 40 dB(A) durante il periodo notturno;

  2. se il livello del rumore ambientale misurato a finestre chiuse è inferiore a 35 dB(A) durante il periodo diurno e 25 dB(A) durante il periodo notturno;

  3. nelle aree classificate nella classe VI

 

Nell'area download è possibile scaricare in formato jpg la cartografia completa relativa alla zonizzazione acustica del Comune di Fossano, approvata con D.C.C. n. 17 del 3/3/2004.

 

La normativa sul rumore, sotto il profilo della zonizzazione acustica, si basa sul principio di difendere un interesse collettivo, di carattere generale ed attinente la tutela della salute pubblica (ad esempio prevenire il possibile disturbo arrecato dall’esercizio di un’attività nei confronti della cittadinanza o parte di essa), tutte caratteristiche e competenze tipiche dell’azione della Pubblica Amministrazione. Per questo motivo la zonizzazione acustica e gli adempimenti conseguenti non possono agire nei rapporti fra privati. I tipici contenziosi tra vicini o condomini, originati da condotte rumorose esercite nella sfera privata, attengono esclusivamente il Codice Civile e precisamente l’articolo 844 il quale stabilisce che il proprietario non può impedire le immissioni di fumo, di calore o le esalazioni, i rumori, gli scuotimenti e simili propagazioni, se non superano la normale tollerabilità, anche riguardo alla condizione dei luoghi. Quanto al concetto di “normale tollerabilità”, benché si tratti di una definizione molto relativa, la giurisprudenza costante ritiene non tollerabile una immissione rumorosa che superi di oltre 3 dB il rumore di fondo. Ai sensi dell'art. 7 del codice di procedura civile, i contenziosi sui rumori riferibili all'art. 844 c.c. sono di competenza del Giudice di Pace nel caso in cui entrambi i fondi, quello che origina il disturbo e quello disturbato, siano destinati a civile abitazione.

 

 

Eventi e Manifestazioni
dal 17 al 26 novembre, nell'ambito della tradizionale fiera di Trinità, un ricco calendario di appuntamenti e iniziative animerà la cittadina
dal 21 novembre 2017 al 28 febbraio 2018 la Sala Centrale del Liceo Ancina ospita la IV edizione della mostra Fotografie in Scala dal titolo: DI CHE COLORE SEI? La Mostra sarà visitabile dal pubblico negli ...
parole, immagini e musica intorno al libro di Maria Teresa Milano. Venerdì 24 novembre ore 21.00 Cine Teatro I PORTICI. Spettacolo organizzato dalla Commissioni per le Pari Opportunità della Città di Fossano ...
Fossano ti aspetta! Venerdì 24 novembre BLACK FRIDAY!!
venerdì 24 novembre 2017 - Palestra CNOS - via Verdi 22 Fossano - a partire dalle ore 14.30: FACCIAMO PRESTO a creare lavoro in chiave generativa e sociale. Evento organizzato da: CNOS FAP Fossano - Fondazione ...
Comune di Fossano via Roma, 91 - 12045 Fossano (CN)   - telefono: (+39) 0172 699 611   - fax: (+39) 0172 699 685  
PEC : fossano@cert.ruparpiemonte.it   - partita IVA: 00294400049   - codice fiscale: 00214810046   - codice univoco ufficio per fatturazione elettronica: UFFZ8B
Portale internet realizzato da Progetti di Impresa srl  © 2016